L’obiettivo del bando Vinci è quello di favorire l’integrazione tra i sistemi d’insegnamento universitario dell’Italia e della Francia, contribuendo al processo di armonizzazione della formazione universitaria in Europa.

Il bando Vinci è pubblicato all’inizio di ogni anno.
  • Finanziamenti per diplomi congiunti o doppi diplomi di secondo livello: Laurea Magistrale / Master (Capitolo I)

Candidatura presentata dal docente responsabile di una Laurea Magistrale binazionale che prevede il rilascio di diplomi congiunti o doppi diplomi. Il finanziamento è attribuito principalmente per coprire spese legate alla mobilità degli studenti e dei docenti.

  • Contributi di mobilità per tesi di dottorato in cotutela (Capitolo II)

Candidatura presentata da un dottorando regolarmente iscritto in Italia e in Francia massimo in secondo anno con una convenzione di cotutela.
Il finanziamento copre le spese di mobilità tra Italia e Francia e non costituisce una borsa individuale. Le spese ammissibili sono i viaggi Italia-Francia e le spese di affitto e di alloggio.

  •  Borse triennali di dottorato in cotutela / Contrats doctoraux pour thèses en cotutelle (Capitolo III)

Candidatura presentata dal direttore della scuola di dottorato proponente per l’erogazione di una borsa triennale / contrat doctoral di tre anni da attribuire, previa apposita selezione, ad un dottorando in cotutela

  • Cofinanziamenti per assegni di ricerca post-dottorali (Capitolo IV)

Candidatura presentata dal direttore di una struttura di ricerca di un'università italiana, di un'istituzione, ente o agenzia indicati nell'articolo 22 comma 1 della legge 30 dicembre 2010 n.240. Assegno di ricerca annuale, da attribuire a studiosi in possesso del titolo di dottorato in cotutela italo-francese, che hanno discusso la tesi nei due anni precedenti la data di pubblicazione del bando, per svolgere un periodo di ricerca di almeno 6 mesi presso un'istituzione di alta formazione e di ricerca francese.


-----
Le università, gli uffici per le relazioni internazionali delle stesse, i centri di ricerca, i docenti e i dottorandi possono rivolgersi al segretariato del loro Paese (quello di Torino o quello di Grenoble), per ottenere eventuali chiarimenti sul bando Vinci.
Troverete anche maggiori informazioni nel bando Vinci e nel regolamento di utilizzo dei fondi.