Comunicazione

Alla luce dei recenti accadimenti e valutata la momentanea sospensione dell'attività didattica e le misure per il contenimento del contagio nel DPCM dell'11 marzo 2020, in merito ai Bandi Vinci già erogati e in fase di realizzazione si comunica quanto segue :

  1. Concessione di proroghe di massimo un anno in seguito alla presentazione di una relazione in merito alle attività già realizzate e quelle che restano da svolgere, la cui mancata realizzazione è imputabile all’emergenza Covid-19;

  2. Per le rendicontazione dei progetti, tenuto conto delle spese di missione ritenute ammissibili delle università capofila dei progetti presentati, si considera il principio di causa di forza maggiore laddove non vi sarà la possibilità di effettuare il periodo di mobilità come previsto, previa conferma università proponente.

L’obiettivo del bando Vinci è quello di favorire l’integrazione tra i sistemi d’insegnamento universitario dell’Italia e della Francia, contribuendo al processo di armonizzazione della formazione universitaria in Europa.

Il bando Vinci è pubblicato all’inizio di ogni anno.
  • Finanziamenti per diplomi congiunti o doppi diplomi di secondo livello: Laurea Magistrale / Master (Capitolo I)

Candidatura presentata dal docente responsabile di una Laurea Magistrale binazionale che prevede il rilascio di diplomi congiunti o doppi diplomi. Il finanziamento è attribuito principalmente per coprire spese legate alla mobilità degli studenti e dei docenti.
 
  • Contributi di mobilità per tesi di dottorato in cotutela (Capitolo II)

Candidatura presentata da un dottorando regolarmente iscritto in Italia e in Francia massimo al secondo anno con una convenzione di cotutela.
Il finanziamento copre le spese di mobilità tra Italia e Francia e non costituisce una borsa individuale. Le spese ammissibili sono i viaggi Italia-Francia e le spese di affitto e di alloggio.
 
  •  Borse triennali di dottorato in cotutela / Contrats doctoraux pour thèses en cotutelle (Capitolo III)

Candidatura presentata dal direttore della scuola di dottorato proponente per l’erogazione di una borsa triennale / contrat doctoral di tre anni da attribuire, previa apposita selezione, ad un dottorando in cotutela
 
  • Cofinanziamenti per assegni di ricerca post-dottorali (Capitolo IV)

Candidatura presentata dal direttore di una struttura di ricerca di un'università italiana, di un'istituzione, ente o agenzia indicati nell'articolo 22 comma 1 della legge 30 dicembre 2010 n.240. Assegno di ricerca annuale, da attribuire a studiosi in possesso del titolo di dottorato in cotutela italo-francese, che hanno discusso la tesi nei due anni precedenti la data di pubblicazione del bando, per svolgere un periodo di ricerca di almeno 6 mesi presso un'istituzione di alta formazione e di ricerca francese.


-----
Le università, gli uffici per le relazioni internazionali delle stesse, i centri di ricerca, i docenti e i dottorandi possono rivolgersi al segretariato del loro Paese (quello di Torino o quello di Grenoble), per ottenere eventuali chiarimenti sul bando Vinci.
Troverete anche maggiori informazioni nel bando Vinci e nel regolamento di utilizzo dei fondi.